07192019Ven
Last updateVen, 19 Lug 2019 6pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners
VTEM Banners

Flash mob contro l'attacco all'informazione: martedì di protesta per i giornalisti

sciacallo

Dalle Marche immediata l’adesione del Sigim, il sindacato giornalisti marchigiani: “Basta attacchi, insulti e minacce rivolte alla nostra professione. La misura è colma” commenta il segretario Piergiorgio Severini.

FERMO – È arrivato il momento di portare le tessere pubblicate sui social fisicamente in piazza. E l’occasione la dà l’iniziativa promossa da Fnsi, supportata dall'Ordine dei Giornalisti, in tutta Italia. appuntamento domani, martedì, alle 12 davanti alle prefetture di ogni capoluogo di Regione per un flash mob che vuole mandare un messaggio chiare: giù le mani dall’articolo 21 della costituzione e quindi dalla libertà di stampa. “Una prima risposta pubblica agli attacchi del vicepremier Di Maio e di quanti pensano di poter ridurre al silenzio l'informazione italiana è fissata per martedì 13 novembre 2018” spiegano i vertici del sindacato dei giornalisti. (LEGGI E' la stampa, bellezza!).

Il titolo è semplice: #GiùLeManiDallInformazione. “Vorremmo che fosse un momento collettivo, non solo per giornalisti, perché il problema è per tutti i cittadini. Ritrovarsi in piazza contemporaneamente – spiega Raffaele Lorusso, segretario generale della Fnsi – significa respingere tutti insieme attacchi volgari e inaccettabili contro l'informazione e i giornalisti. Ormai non si tratta più di episodi isolati, ma di azioni mirate a screditare una categoria di professionisti con lo scopo di disorientare l'opinione pubblica. Una forza politica, il Movimento 5 Stelle, che teorizza il superamento del Parlamento e della democrazia liberale ha messo nel mirino i giornalisti e gli editori perché per realizzare questo progetto bisogna togliere di mezzo tutti gli organismi intermedi e impedire ai cittadini di conoscere” ribadisce Raffaele Lorusso, numero uno della Fnsi.

Dalle Marche immediata l’adesione del Sigim, il sindacato giornalisti marchigiani: “Basta attacchi, insulti e minacce rivolte alla nostra professione. La misura è colma” commenta il segretario Piergiorgio Severini. “Soltanto un'informazione debole, docile o assente può consentire alla disinformazione di massa, veicolata attraverso gli algoritmi e le piattaforme digitali, di prendere il sopravvento e di manipolare il consenso e le coscienze dei cittadini. È un disegno al quale bisogna opporsi con forza” prosegue Lorusso. Appuntamento, quindi, dalle 12 alle 13 in piazza del Plebiscito ad Ancona. “Vi chiediamo di portare con voi la tessera dell’Ordine da mostrare in piazza quale simbolo del nostro lavoro, fondamentale per la vita civile e democratica di questo paese”.

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Pettinari: la mafia si combatte con piccoli gesti

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.