05232018Mer
Last updateMer, 23 Mag 2018 10am

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

Iscriviti al nostro canale Youtube

Elezioni. Il ciclone Cangini sveglia le Marche: "Servono infrastrutture". E il Pd bacchetta Trenitalia

Andrea Cangini ok

La sfida lanciata da Cangini è stata raccolta dall’onorevole uscente del Partito Democratico Emanuele Lodolini.

di Raffaele Vitali

FERMO – Da bravo giornalista, l’ex direttore del Resto del Carlino Andrea Cangini, oggi candidato al Senato per Forza Italia, ha già saputo spostare l’attenzione mediatica in campagna elettorale su un problema atavico delle Marche. L’assenza di collegamenti. “Vorrei che le Marche – sottolinea in ogni incontro Cangini – diventassero un caso nazionale. E non è retorica. Sono una regione dimenticata e tagliata fuori. Manca un aeroporto, non ci sono collegamenti degni di questo nome. Sono convinto che ci siano le condizioni affinché le Marche abbiano il livello di sviluppo che meritano. Cosa che il Pd non ha saputo o voluto fare”. Lui promette attenzione su ferrovie e aeroporto, considerando che le strade hanno un percorso in parte avviato tra quadrilatero e ricostruzioni post terremoto. Anche se resta sul campo la partita per il prosieguo della terza corsia da Porto Sant’Elpidio a San Benedetto del Tronto, per restare alle Marche.

La sfida lanciata da Cangini è stata raccolta dall’onorevole uscente del Partito Democratico Emanuele Lodolini. “La Regione Marche riprenda in mano il contratto di servizio con Trenitalia e Rete ferroviaria italiana. Sotto l'aspetto del servizio ferroviario occorre ancora far molto sia sulla linea Orte-Falconara, che è una delle infrastrutture più importanti e strategiche per le Marche, vero ponte tra l'Adriatico e il Tirreno - spiega il deputato alla Dire-, sia sulla linea adriatica Bologna-Lecce. Il problema dei disservizi sulla tratta ferroviaria Ancona-Roma richiede una posizione forte anche da parte della Regione Marche. Serve una svolta”. E serve ora per il Pd, prima che accada quello che immagina Cangini: “Tra due anni cambiamo il governo della regione e ci pensiamo noi”.

Lodolini quindi ribadisce: “Ho avuto rassicurazione che è pronto a partire un piano di interventi per le infrastrutture ferroviarie nelle Marche sia sulla linea Adriatica che sulla Orte-Falconara. Occorre dare all'economia del centro Italia quelle risposte veloci di cui necessita per sviluppare tutte le potenzialità sul piano culturale, turistico ed economico”.

@raffaelevitali

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Crolla il tetto su una classe dell'Iti Montani: vigili del fuoco in azione

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.