04232018Lun
Last updateLun, 23 Apr 2018 7am

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

"La mafia nelle Marche è presente ma non insediata". Rosy Bindi: "Attenzione alla ricostruzione"

mafiaregione

Dopo l’ex procuratore generale Macrì, una nuova voce autorevole accende il faro sulla criminalità organizzata nella regione di Leopardi e Rossini.

FERMO – Dove c’è droga c’è mafia. E di sequestri, nelle Marche e nel Fermano ne sono statui effettuati numerosi nell’ultimo anno. “Presenze mafiose nelle Marche ci sono ma non è un territorio in cui la mafia si è insediata. Occorre però vigilanza". Le parole della presidente della commissione parlamentare antimafia Rosy Bindi risuonano dentro la Regione Marche durante l’incontro con il presidente del Consiglio regionale delle Marche Antonio Mastrovincenzo e i presidenti dei gruppi consiliari. “Non c’è un angolo del mondo esente dal problema delle organizzazioni mafiose. Ma questa regione è ancora in grado di fermare l'insediamento mafioso che non va, però, mai sottovalutato”. Dopo l’ex procuratore generale Macrì, una nuova voce autorevole accende il faro sulla criminalità organizzata nella regione di Leopardi e Rossini.

Alla base delle parole della Bindi ci sono fatti inconfutabili: una forte circolazione di sostanze stupefacenti, un porto importante (Ancona ndr) e un forte dinamismo imprenditoriale. “Eppure non ci sono organizzazioni stabili. Non risultano dalle inchieste giudiziarie. Non risulta dal lavoro svolto dalle Forze di Polizia. Non bisogna però abbassare la guardia”. Soprattutto ora che le Marche diventano il cantiere più grande d’Europa: “A causa della tragedia del terremoto. Serve vigilanza perché la storia ci insegna che le ricostruzioni sono servite per rilanciare le grandi organizzazioni criminali. Da allora però qualcosa abbiamo imparato. Esperienze e anticorpi ne abbiamo sviluppati come dimostra la ricostruzione in Emilia Romagna. Non abbassare la guardia neppure sul settore sanità che è particolarmente attenzionato dalla 'ndrangheta".

Raffaele Vitali

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Fede, giovani e integrazione: i primi pensieri fermani di monsignor Pennacchio

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.