06242017Sab
Last updateSab, 24 Giu 2017 2pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners

Ricostruzione post terremoto: "Due miliardi per le Marche". Ma dall'elenco restano fuori Falerone e S.Vittoria

renziterremoto

Ceriscioli: "Le risorse vanno sui danni e siccome le Marche hanno subito più danni di tutti automaticamente riceveranno più risorse- spiega Ceriscioli- Non perché siamo più belli, ma perché abbiamo più danni".

FERMO – Chi è dentro, chi è fuori. Di certo, per il Fermano, ci sono nell’elenco due Comuni. Questi tutti quelli inseriti in prima fascia, quella dei rimborsi al 100% anche per le secodnoe case, aspetto chiave per il rilancio reale delle zone terremotate: Amandola (FM)  Acquasanta Terme (AP)  Arquata del Tronto (AP) Comunanza (AP)  Cossignano (AP)  Force (AP)  Montalto delle Marche Montedinove (AP) Montefortino (FM)  Montegallo (AP)  Montemonaco (AP) Palmiano e Roccafluvione (AP) Rotella (AP) Acquacanina (MC) Bolognola (MC) Castelsantangelo sul Nera (MC) Cessapalombo (MC) Fiastra (MC) Fiordimonte (MC) Gualdo (MC) Penna San Giovanni (MC) Pievebovigliana (MC) Pieve Torina (MC) San Ginesio (MC) Sant’Angelo in Pontano (MC) Sarnano (MC) Ussita (MC) Visso (MC).

Un elenco che soddisfa Luca Ceriscioli: “Una risposta come non c'era mai stata prima. Per le Marche si possono stimare risarcimenti per 2 miliardi di euro”. Peccato che, scorrendo l’elenco ci sia qualche vuoto. Il Fermano, soprattutto, è quello più penalizzato, con due Comuni, su tutti, esclusi inaspettatamente: Falerone e Santa Vittoria in Matenano. Comuni con sfollati, con scuole inagibili, torri a rischio crollo. Ma non è bastato, così come non è bastato per Tolentino e Camerino, che hanno formalmente protestato, e neppure per Ascoli, nonostante il sindaco Castelli abbia prima di altri recintato numerosi edifici in pieno centro.

"Le risorse vanno sui danni e siccome le Marche hanno subito più danni di tutti automaticamente riceveranno più risorse- spiega Ceriscioli- Non perché siamo più belli, ma perché abbiamo più danni. Non c'è nessuna divisione a monte come è successo nel sisma del '97 che ha coinvolto Marche e Umbria. Complessivamente si stimano danni per 4 miliardi di euro. Alle Marche presumibilmente ne andranno 2".

Nelle Marche le richieste di sopralluoghi per i danni causati dal sisma del 24 agosto sono state 33.000. “Più o meno- continua Ceriscioli- il 50% delle richieste complessive. Ecco perché ritengo verosimile la cifra di 2 miliardi di euro. Tante misure positive. A coloro che hanno perso la casa o subito danni vengono assegnate risorse non solo per ricostruire ma anche per adeguarsi alle normative anti-sismiche". Domani si riunirà la Giunta in Regione per approvare i primi atti utili conseguenti al decreto e dare così il via alla macchina organizzativa.

@raffaelevitali 

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Loira ricorda il carabiniere Beni

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.