06202019Gio
Last updateGio, 20 Giu 2019 10am

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners

Il futuro del Pd e gli anni di Governo, Gentiloni si racconta all'Ostello Ricci

gentilonimcpiccola

Gentiloni da qui a maggio avrà il compito di ricompattare il Pd e possibilmente il centrosinistra, anche se i paletti inseriti sono già importanti: no al ritorno di Bersani e D’Alema.

MACERATA – Ex premier, ex ministro degli esteri e oggi presidente del Partito democratico. Tanto da raccontare per Paolo Gentiloni, marchigiano di nascita, romano d’adozione che domani (venerdì, ndr) alle 18 sarà all’Ostello Ricci per presentare il suo libro ‘La sfida impopoulista. Da dove ripartire per tornare a vincere’. A intervistarlo sarà Raffaele Vitali, direttore della provincciadifermo.com. Un viaggio tra quello che Gentiloni ha vissuto e quello che spera possa invece vivere il Paese, ovvero un futuro migliore. Dopo Macerata e l’iniziativa organizzata dal circolo Aldo Moro e dall’assessore regionale Angelo Sciapichetti, Gentiloni sarà protagonista anche a Potenza Picena (lle ore 21:15, a Potenza Picena, presso il Centro Culturale Ferdinando Scarfiotti,) per dialogare con l’ex rettore Flavio Corradini e il pubblico. Ci arriva nel pieno di una campagna elettorale già calda, con il voto in Basilicata e soprattutto le sempre più vicine elezioni europee.

Gentiloni da qui a maggio avrà il compito di ricompattare il Pd e possibilmente il centrosinistra, anche se i paletti inseriti sono già importanti: no al ritorno di Bersani e D’Alema. Anche se con loro Nicola Zingaretti proverà a conquistare proprio la Basilicata. A Macerata arriva con un paio di perle via twitter, su tutte quella con cui silenzia l’ex presidente del partito Orfini e supporta Minniti, che era stato criticato perché “alcune scelte di governo hanno favorito lo sfondamento a destra". Minniti non gli ha replicato, ma ha mandato un messaggio chiaro: “Una democrazia deve capire che non può andare avanti con gesti simbolici, i quali possono produrre consenso, ma anche avversione, e possono scatenare gesti simbolici rovesciati. Vale per Salvini, vale per tutti". e a dargli ragione è stato proprio Gentiloni che con pochi caratteri: “Marco Minniti ha ragione. L'Italia ha bisogno di sicurezza, non di propaganda". E anche di questo si parlerà domani a Macerata.

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Pettinari: la mafia si combatte con piccoli gesti

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.