02182019Lun
Last updateLun, 18 Feb 2019 7am

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners

Forza Italia ridisegna i vertici nelle Marche: tra i big manca Graziella Ciriaci

ciriacipresentazione

Spazio quindi a Jessica Marcozzi, ma soprattutto al sindaco di San Benedetto del Tronto Pasqualino Piunti, vice commissario vicario al fianco di Marcello Fiori, confermato nel suo ruolo da Silvio Berlusconi.

FERMO – Riorganizzazione per non sparire. Forza Italia cambia marcia dopo la visita del presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani. Ma all’interno della nuova macchina regionale, che ha in Jessica Marcozzi il volto di punta fermano, spicca una grande assenza: Graziella Ciriaci. L’imprenditrice di Ortezzano, che ha dato filo da torcere alla Lega nel suo collegio alle Politiche di marzo, non ricopre alcune ruolo di prestigio. Non un caso, quindi, l’assenza della Ciriaci all’hotel Royal pochi giorni fa, quando al fianco di Tajani si sono seduti Marcozzi, Fiori e Cangini, oltre che numerosi esponenti locali, come Castelli e Piunti e il neo consigliere provinciale Carlo Del Vecchio. Dopo le elezioni politiche l’esponente di punta dell’industria agroalimentare della Valdaso si attendeva un riconoscimento per l’impegno dopo l’uscita di scena dell’ex senatore Remigio Ceroni. Ci ha messo la faccia, oltre che le risorse, ma non è bastato per entrare nel board regionale e provinciale. Spazio quindi a Jessica Marcozzi, ma soprattutto al sindaco di San Benedetto del Tronto Pasqualino Piunti, vice commissario vicario al fianco di Marcello Fiori, confermato nel suo ruolo da Silvio Berlusconi. Almeno fino al congresso, quando la Ciriaci, se lo riterrà stimolante, si giocherà le sue buone carte.

“Nei prossimi mesi daremo vita a una importante stagione congressuale nel corso della quale gli iscritti e gli eletti di Forza Italia in ogni Provincia e in ogni Comune potranno scegliere la propria classe dirigente attraverso un appassionato e libero confronto di idee e candidati. E per la prima volta anche i movimenti civici (che sottoscriveranno la nostra Carta dei valori) potranno eleggere dei propri rappresentanti nei nostri organismi” spiega Fiori. Una fase complessa, soprattutto per la gestione delle forze civiche, che si servirà di una lunga serie di vicecommissari: Jessica Marcozzi commissario provinciale di Fermo e vice commissario regionale; Daniele Silvetti per Ancona; Riccardo Sacchi per Macerata; Elisabetta Foschi per Pesaro Urbino. Al Piceno va una delega chiave, quella alla comunicazione, affidata alla vice commissaria regionale Claudia Regoli.

Al fianco degli esponenti locali si muoverà una mini cabina di regia composta dai parlamentari Andrea Cangini e Simone Baldelli, dai consiglieri regionali Marcozzi e Celani oltre al sindaco di Ascoli Guido Castelli e ai consiglieri provinciali. “Non solo elezioni, la nostra priorità è lavorare sulle profonde ragioni di crisi di questa Regione: il terremoto, il ritardo infrastrutturale, l’abbandono delle aree interne, la tutela della salute, le crisi industriali, il lavoro, il rapporto con il mondo delle professioni e le categorie produttive, lo sviluppo del turismo e la valorizzazione delle risorse culturali. Per ogni tema nomineremo un responsabile”. Caselle apicali a posto, ma porte aperte per tornare in mezzo alla gente. Con o senza Graziella Ciriaci lo si capirà presto.

r.vit.

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Ponte di Rubbianello: cinque anni di nulla dopo il crollo

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.