07172019Mer
Last updateMer, 17 Lug 2019 11am

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners
VTEM Banners

Fraternali, segretaria PD Pesaro: 'Perché Gostoli? Sa valorizzare gli altri, è giovane e non teme le sfide'

gostolifra

La segretaria: È cresciuto dentro il settore giovanile dei Ds, è stato organizzatore provinciale, poi segretario provinciale e ora candidato al regionale. Ha fatto la gavetta.

di Raffaele Vitali

Domani si vota per eleggere il nuovo segretario regionale del Partito Democratico, ovvero la forza che esprime, al momento, la guida della Regione e delle principali città, tolte Ascoli Piceno e San Benedetto. Dopo l’appoggio del sindaco Nazareno Franchellucci a Paolo Petrini, perché votare Giovanni Gostoli lo spiega Francesca Fraternali, segretaria del Pd di Pesaro, la federazione in cui Petrini non è riuscito a presentare a lista.

Fraternali, ma chi è Giovanni Gostoli?

“Un giovane, ha 36 anni, che viene dall’entroterra e conosce quindi anche i problemi non delle grandi città”.

Politicamente, quali sono le sue qualità?

“È uno che sa fare squadra e sa valorizzare gli altri. Vi assicuro che è dinamico ed è uno a cui le sfide piacciono e che anche nei momenti mai facili del Pd ha dato tutto”.

Ha fatto la gavetta?

“È cresciuto dentro il settore giovanile dei Ds, è stato organizzatore provinciale, poi segretario provinciale e ora candidato al regionale. Direi proprio di sì”.

Un candidato che è già eletto?

“Non si può dire, perché poi le elezioni regionali sono una incognita. Di certo a Pesaro la sua lista è già sicura mancando la sfida con Petrini”.

Perché votare lui e non Petrini?
“Il nostro partito ha bisogno di una figura giovane. Mi sembra paradossale che lo definiscano uno da apparato, di certo Petrini che ha fatto tutto dentro il Pd mi stupisce che usi queste parole”.

Dopo le primarie tornerà la pace tra Gostoli e l’ex parlamentare fermano?

“Senza dubbio, dovrebbe tornare. Non ho dubbi. Sono due persone intelligenti per cui non è che chi vince esclude l’altro”.

Uscirà un Pd forte capace di criticare e stimolare la Regione?

“È mancato non è perché non c’era un Pd forte, ma perché, quantomeno nell’ultimo anno non c’era il segretario regionale. Di certo dal congresso deve uscire un Pd in grado di sostenere le cose ben fatte da Ceriscioli e stimolare quando serve”.

@raffaelevitali

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Pettinari: la mafia si combatte con piccoli gesti

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.