08142018Mar
Last updateLun, 13 Ago 2018 4pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners
VTEM Banners

Una Settimana Santa d'oro per i produttori di uova. Coldiretti: "400 milioni quelle usate"

uovafieno

Nell’azienda di Enzo Rossi nascono come dentro un hotel a 5 stelle, perché le galline vivono in spazi ampi e arieggiati, ma siccome non basterebbero per coprire la richiesta di questa settimana, spazio a tutta la grande produzione, rigorosamente controllata.

CAMPOFILONE – Nell’azienda di Enzo Rossi a Campofilone nascono come dentro un hotel a 5 stelle, perché le galline vivono in spazi ampi e arieggiati, ma siccome non basterebbero per coprire la richiesta di questa settimana, spazio a tutta la grande produzione, rigorosamente controllata: sono 400milioni le uova previste in commercio prima id Pasqua. Sode per la colazione, dipinte a mano per abbellire le case e le tavole apparecchiate o consumate in ricette tradizionali o in prodotti artigianali e industriali: ecco le uova ruspanti che la Coldiretti stima saranno consumate durante la settimana Santa. “Un numero superiore di circa dieci volte a quelle di cioccolata”.

Ad essere preferite sono quelle garantite senza Ogm, allevate a terra e biologiche. Una tradizione, quella delle uova fresche, che, sottolinea la Coldiretti, resiste nel tempo con piatti della tradizione. “Complessivamente gli italiani spenderanno quasi 120 milioni di euro nell'acquisto di uova di gallina da consumare direttamente o nella preparazione di primi piatti e dolci”. Si rispetta quindi la tradizione che fa risalire l'usanza di considerare l'uovo come simbolo di rinascita e buon augurio in Occidente al 1176, quando re Luigi VII rientrò a Parigi dopo la II crociata e per festeggiarlo il capo dell'Abbazia di St. Germain des Près gli donò metà dei prodotti delle sue terre, incluse un gran numero di uova che furono poi dipinte e distribuite al popolo.

“Negli ultimi 30 anni - precisa la Coldiretti - i consumi nazionali di uova sono aumentati raggiungendo la cifra record di 13 miliardi di pezzi all'anno che significa una media di circa 215 uova a testa, quasi interamente Made in Italy. Nel solo 2017 si è verificata una crescita in valore del 4,8% negli acquisti, grazie all'offerta di una platea di 40 milioni di galline ovaiole presenti in 14.400 allevamenti italiani” secondo elaborazioni Coldiretti su dati Ismea. Il maggior produttore nazionale è la Lombardia, poi l’Emilia Romagna.

r.vit.

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Crolla il tetto su una classe dell'Iti Montani: vigili del fuoco in azione

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.