07192018Gio
Last updateGio, 19 Lug 2018 5pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Sempre più cara la strada per Roma, rivolta popolare contro il rincaro dell'A24: scatta la petizione

a24

"E' un salasso insostenibile per i cittadini ed è di gran lunga superiore rispetto alla media nazionale dei rincari che è pari al 2,74%, ovvero un quinto di quanto invece subiranno gli automobilisti abruzzesi e marchigiani”.

FERMO – Roma non è solo mal collegata dalle Marche, ora è anche più cara da raggiungere visto l’aumento a doppia cifra dei tratti autostradali A24 e A25. Non resta che la mobilitazione popolare. Una petizione online, lanciata sul portale Change.org, per chiedere la revoca della concessione delle autostrade A24 e A25 al gestore Strada dei Parchi e “rinegoziare termini nuovi e più convenienti per i cittadini dopo l'aumento dei pedaggi”. L'istanza, promossa dal sindaco di Aielli (L'Aquila), Enzo Di Natale, è stata sottoscritta da oltre 33mila persone in circa 24 ore e le adesioni continuano a crescere minuto dopo minuto.

La petizione è rivolta al presidente del Consiglio dei Ministri, Paolo Gentiloni, e al presidente della Regione Abruzzo, Luciano D'Alfonso. “L'aumento dal 1 gennaio del 12,79% delle due autostrade A24 e A25 - si legge nella pagina creata sul portale di petizioni online - è un salasso insostenibile per i cittadini ed è di gran lunga superiore rispetto alla media nazionale dei rincari che è pari al 2,74%, ovvero un quinto di quanto invece subiranno gli automobilisti abruzzesi e marchigiani”.

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Crolla il tetto su una classe dell'Iti Montani: vigili del fuoco in azione

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.