12112017Lun
Last updateLun, 11 Dic 2017 5pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners

Unire innovazione e manifattura: Robiglio, nuovo presidente della Piccola Industria, punta sul marchigiano Mingarelli

mingarelli

L’entusiasmo che lo guida è uno dei pilastri, insieme agli input che manda, in ogni occasione, alle banche: “Devono essere al nostro fianco per aiutarci e supportarci negli investimenti necessari. L’imprenditore deve crederci e insieme otterremo un credito d’imposta sugli investimenti fatti in formazione sulle persone”.

di Raffaele Vitali

FERMO – Quando prende parola durante i convegni, Diego Mingarelli riesce a conquistare i partecipanti. Perché coniuga due mondi in poche parole: quello della manifattura, che fa delle marche la prima regione italiana, alla tecnologia, di cui è un promotore sia in azienda, la Diasen di Sassoferrato con cui ha portato la tecnologia dentro l'edilizia, che all’interno della Piccola Industria delle Marche di cui è presidente. E così non può stupire che il nuovo numero uno nazionale della Piccola, Carlo Robiglio, lo abbia scelto tra i vicepresidenti. Non può stupire perché Robiglio, presidente e Ceo della Holding Ebano, è un imprenditore che guarda al futuro e ai giovani, due parole che non possono mai mancare al core business dell’economia italiana, ovvero le Pmi.

Cresciuto nel mercato editoriale, è anche vicepresidente del Gruppo Sole 24 Ore, l’imprenditore piemontese si è specializzato nella narrativa, con collane di saggistica e libri per ragazzi, prima di aprirsi al mondo del web, dove ha cavalcato e fatto crescere idee innovative diventate poi aziende di successo: Let.life, un’applicazione per gestire i ricordi, le informazioni e le immagini, e Gnammo, la piattaforma di social eating che permette di organizzare eventi culinari a casa propria. Presidente di Piccola Industria Piemonte, Robiglio oggi guiderà tutti gli imprenditori delle piccole e medie imprese italiane.

Lo farà coinvolgendo sempre più i territori. E non potevano mancare le Marche che da anni son un riferimento associativo, sia nel sociale, l’ultima perla è il progetto Pge, sia economico e innovativo, con il progetto che ha portato alla nascita del Digital Innovation Hub. “Da un lato il mondo degli startupper cresciuti con in mano internet, dall’altro la manifattura propria del tessuto regionale”. Questa la base di azione di Mingarelli nella regione che ha bisogno di comprendere le potenzialità dell’Industria 4.0 abbinate a quanto di più 1.0 ci sia: la manualità.

Per riuscirci, il presidente della Piccola regionale ha unito i centri di ricerca, le università e gli imprenditori, “per connettere le menti e far sì che chi ha padronanza della tecnologia possa trasferirla alle aziende che ne hanno bisogno. Aiutandole a competere nel futuro sui mercati internazionali”. L’entusiasmo che lo guida è uno dei pilastri, insieme agli input che manda, in ogni occasione, alle banche: “Devono essere al nostro fianco per aiutarci e supportarci negli investimenti necessari. L’imprenditore deve crederci e insieme otterremo un credito d’imposta sugli investimenti fatti in formazione sulle persone”. Perché anche questa è una scommessa da vincere: far comprendere che Industria 4.0, che poi è meglio chiamare Impresa 4.0 per coinvolgere anche le Pmi, non è solo tecnologia, ma anche capitale umano. Ora proseguirà il suo cammino al fianco di Robiglio, che è stato eletto all’unanimità per il dopo Baban dando un segnale quasi rivoluzionario nel mondo dell’imprenditoria. “L’unità – ha sottolineato lil neo presidente che ha guidato il Sole 24 Ore per due mesi a fine 2016 - è un grande valore in un paese che deve agganciare la ripresa”.

Al fianco di Mingarelli, Robiglio ha scelto anche: Renato Abate, (amministratore Unico Industrie Abate di Mercogliano - Av); Angelo Camilli (amministratore Delegato della Consilia CFO di Roma); Aldo Ferrara, (amministratore della Mediaservice di Catanzaro); Cinzia La Rosa (Direttore Generale della La Rosa Energy di Verona); Maria Teresa Sassano (amministratore della EDO di San Severo - FG); Monica Talmelli (direttore Amministrativo della F.A.M.A.R. di Ferrara); Giancarlo Turati (amministratore Delegato della Fasternet Soluzioni di Networking di Borgosatollo - Bs); Gianluigi Viscardi, (presidente della Cosberg di Terno d'Isola - Bg). Il presidente Robiglio ha inoltre affidato a Stefano Zapponini (presidente della Guida Monaci di Roma), la direzione de L'Imprenditore, la rivista di Piccola Industria.

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Fede, giovani e integrazione: i primi pensieri fermani di monsignor Pennacchio

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.