09222019Dom
Last updateSab, 21 Set 2019 6pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners

Insegnare ai giovani a usare le mani. Bora: 700euro al mese per seguire le lezioni dei maestri artigiani

fabiani bora

Marino Fabiani, uno degli imprenditori calzaturieri più amati oltre gli Urali, è stato nominato ‘maestro artigiano’ e ora sarà tutor di nuove maestranze.

FERMO - Sorridente con in mano la sua pergamena: Marino Fabiani, uno degli imprenditori calzaturieri più amati oltre gli Urali, è stato nominato ‘maestro artigiano’. E come lui altri 100 scelti dalla Regione Marche all’interno del progetto 'Botteghe Scuola' che prevede di offrire a giovani disoccupati marchigiani un'esperienza formativa con veri maestri artigiani. Nel caso di Fabiani per il settore calzature.

Lo stanziamento dell'amministrazione regionale ammonta ad oltre 652mila euro di fondi Por-Fse e finanzierà 40 'work experience' di 12 mesi per favorire il ricambio generazionale tramandando, al contempo, l'arte del saper fare che contraddistingue le Marche: dal cappello al ricamo, dalle ceramiche ai metalli, dal legno agli strumenti musicali (liuti e fisarmoniche) e alle scarpe. “Ricambio generazionale e sostegno all’artigianato sono due obiettivi di questa giunta regionale. Speriamo – sottolinea battagliera l'assessora regionale all'Artigianato Manuela Bora - di iniziare a raccogliere i frutti di questo bando già prima della fine di questo mandato ma sono certa che i semi che stiamo piantando presto fioriranno”.

Ben 30 percorsi per possessori di diploma di scuola media o superiore e 10 per laureati con un’indennità mensile di 700 euro al mese, mentre al maestro artigiano, che dedicherà il suo tempo, andranno 600 ero mensili. La fase di formazione si svolgerà nelle 'Botteghe Scuola', sono 52 quelle iscritte all'Albo regionale, con il coinvolgimento dei maestri artigiani che fungeranno da tutor.

“Un bando per accostare un giovane ad un anziano- spiega l'assessore regionale al Lavoro e alla Formazione Loretta Bravi- è il modo per insegnare ai ragazzi l’uso delle mani. Questo bando contiamo permetta loro di recuperare questo talento". A conclusione dei progetti di formazione, anche se i maestri artigiani auspicano che la bottega di mestieri diventi una forma di  centro di formazione permanente, la Regione investirà ulteriori 200 mila euro per l'assegnazione di contributi utili alla creazione di nuove imprese nel settore dell'artigianato artistico e tradizionale.

I destinatari del progetto devono, al momento della presentazione della domanda: essere disoccupati e residenti nelle Marche; non ricevere nessun ammortizzatore sociale; non aver instaurato rapporti di lavoro con il soggetto ospitante nei quattro anni antecedenti; non attivare rapporti di lavoro, con il soggetto ospitante, fino al termine di durata del percorso; non avere rapporti di parentela con la persona fisica proprietaria, titolare o socio del soggetto ospitante. SCARICA LA DOMANDA

@raffaelevitali

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Pettinari: la mafia si combatte con piccoli gesti

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.