02182019Lun
Last updateLun, 18 Feb 2019 7am

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners

Binari musicali: le Marche accelerano la vita dei pendolari con i treni Rock e Pop

trenitalia

L’amministratore delegato di Trenitalia Orazio Iacono ha presentato la nuova flotta di 63 mezzi. Quanti arriveranno nelle Marche ancora non è chiaro, lo stabilirà il contratto di servizio.

FERMO – Tutti in treno. Dopo quelli che corrono a ritmo di Jazz, si passa al Rock&Pop. Lo slogan di Trenitalia nelle Marche è #lamusicastacambiando e lo ha usato per lanciare i nuovi mezzi che entreranno in azione nel 2019.

L’amministratore delegato di Trenitalia Orazio Iacono ha presentato la nuova flotta di 63 mezzi. Quanti arriveranno nelle Marche ancora non è chiaro, lo stabilirà il contratto di servizio. “La nostra priorità è quella di migliorare la qualità di vita dei pendolari- spiega Iacono-. Il trasporto regionale da un anno a questa parte è al centro della strategia di Trenitalia e del gruppo Ferrovie italiane. L'input del nostro azionista è di investire ancora di più sul trasporto regionale ed oggi siamo qui per presentare i nuovi treni 'Rock' e 'Pop' che inizieranno a circolare dalla primavera del 2019. Sono i migliori treni per pendolari d'Europa".

'Pop', realizzato da Alstom, è un treno elettrico mono piano che viaggerà ad una velocità massima di 160 chilometri orari e potrà' ospitare circa 530 persone. I treni 'Pop', che offrono un servizio di informazione e intrattenimento audio video con numerosi display Lcd e predisposizione per la rete Wi-fi, consumano il 30% di energia in meno rispetto alla precedente generazione. La sicurezza dei passeggeri è garantita da un sistema di telecamere digitali.

'Rock' è frutto delle migliori tecnologie italiane e giapponesi disponibili nel gruppo Hitachi Rail Italy. Può raggiungere i 160 chilometri orari e ospitare circa 1.400 persone con oltre 700 sedute nella versione più lunga. Anche questo treno è attrezzato con un sistema di videocamere di sorveglianza a circuito chiuso e di un sistema di informazione ai passeggeri basato su monitor di dimensioni doppie.

 "L'obiettivo del nuovo contratto di servizio di riqualificare tutti i treni che viaggiano sulla linea regionale e' un obiettivo credibile" commenta Luca Ceriscioli. “Parliamo di treni che sono stati progettati e costruiti in Italia e che saranno usati dai pendolari che per l’88% promuovono il servizio”. Dati che stupiscono, ma sono quelli ufficiali. Forse crescerebeb ancora la percentuale se esistesse ua vera linea regionale che collega San Bendetto del Tronto a Pesaro senza l'obbligo di cambio, con il costante rischio di perdere la coincidenza ad Ancona.

Aggiunge il governatore: “Oggi abbiamo macchine e tecnologie che possono fare viaggiare con maggiore confort e puntualità i pendolari marchigiani. Il nostro obiettivo è che sempre più marchigiani utilizzino il treno per i trasferimenti. Un mezzo più sicuro e meno inquinante".

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Ponte di Rubbianello: cinque anni di nulla dopo il crollo

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.