L'intervento

Catalini: "Paghiamo le tasse e i servizi tornano ad Ascoli"

CATALINIGIUSEPPE

* Il territorio del Fermano e tutti noi cittadini non possiamo perdere un altro servizio.
Sapere ora che le volture catastali potranno essere effettuate solo ad Ascoli (non più quindi presso l'Agenzia delle Entrate del capoluogo di Fermo) rappresenta un passo indietro, un autentico disservizio per tutto il territorio.
I cittadini (ed i tecnici loro delegati) sono così costretti a sobbarcarsi ulteriori costi di tempo e di denaro quali, ad esempio, quelli legati agli spostamenti sino ad Ascoli Piceno che inevitabilmente li penalizzano.

In passato, data l'altissima affluenza di persone provenienti dal fermano,  la stessa sede ascolana aveva valutato di agevolare il servizio aprendo la sede distaccata a Fermo; questa scelta era stata fatta già prima della costituzione della Provincia.
Indipendentemente dalla presenza della provincia di Fermo, il servizio era stato localizzato nel territorio di Fermo per l'effettiva estrema utilità. Non vorremo che il Fermano sia ancora una volta penalizzato dai tagli indiscriminati che, alla fine di tutto. ricadono sempre sui cittadini e sulle loro economie familiari.
Le tasse statali non accennano mai a diminuire mentre i servizi, che dovremmo ricevere dal pagamento delle stesse, vengono continuamente eliminati o resi sempre meno efficienti. Il mio appello va alle forze politiche affinché si adoperino al mantenimento del servizio per le volture catastali e, al tempo stesso, ai vertici dell'Ufficio di Ascoli affinché soprassiedano all'ennesimo deleterio passaggio della burocrazia

* Giuseppe Catalini, presidente del Consiglio comunale di Porto San Giorgio