05262017Ven
Last updateGio, 25 Mag 2017 9pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners

L'intervento

Market Place / 6 La primavera esplode nella 'descrizione di un attimo'

petra scoperta


* È primavera, svegliatevi bambini…Il controsenso per eccellenza. Perché se è vero che la primavera porta con sé le belle giornate e la voglia di uscire dal letargo, la realtà è che il cambio di stagione ha effetti soporiferi. Comunque, nonostante tutto, benvenuti nella primavera 2017. Ora siamo autorizzati a fare il cambio di stagione, a non indossare più i piumini pesanti, ad acquistare, per chi non ha iniziato a gennaio, coprispalla leggeri.

E poi, non si hanno più scusanti per la dieta causa prova costume. Se fino a un mese fa la località di Sassotetto/Sarnano era per i locali divenuta la Cortina d’Ampezzo de noantri, ora è il lungomare il protagonista indiscusso delle domeniche marchigiane. Dai Wham ai Righeira. Trucco e belletto anche negli scatti social. Il mare si veste di azzurro e la spiaggia prende forma. Come un Viandante in un mare di nebbia, ma senza nebbia, tutti guardiamo all’orizzonte, assorti. Un po’ di posa per gioco, guardiamo al mare forse pensando all’anno che ci sta attraversando.

Intanto la vita scorre, tra gossip senza forma e notizie talmente serie da non farci più caso. Perché ormai ci abbiamo fatto l’abitudine e preferiamo bypassare, pur sapendo che torneranno a ricordarci che tutto cambia in fretta, senza sapere come andrà a finire. Politica, economia, finanza, cronaca. Sembra sempre cambiare tutto ogni giorno, sembra sempre non cambiare niente ogni giorno.

È primavera, i vecchi palazzi si apriranno a nuova luce e le piazze si coloreranno di fiori. Le sale dei cinema pian piano si svuoteranno mentre riapriranno gli stabilimenti balneari. Da mesi ormai si fanno pronostici sulla stagione estiva che sta per arrivare, tra la paura degli effetti del sisma e la promozione martellante che dice di non usare questo termine vicino a quello turistico. Che fretta c’era, maledetta primavera, recita una vecchia canzone di Loretta Goggi. Tanto, ogni anno deve arrivare. Con i suoi capricci di stagione.

Intanto un po’ di musica classica, con il passaggio da Le quattro stagioni di Vivaldi. Scontata si, ma sempre di moda. Per stomaci un po’ più forti, oggi lo chef consiglia Red Right Hand di Nick Cave che però bilanciamo con un bel pezzo di repertorio televisivo italiano, di quelli che hanno fatto storia. Se avete tempo, aprite il pc, digitate TecheRai e sollazzatevi con il Tarzan di Sandra e Raimondo. E se vi va una citazione più recente e della buona musica, Valerio Mastrandrea e Paola Cortellesi ne La descrizione di un attimo dei primi Tiromancino, hanno lasciato un segno. E ricordiamo che oggi, la promozione tre per due è sugli slip di filanca.

*Petra Feliziani

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Loira ricorda il carabiniere Beni

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.