09252017Lun
Last updateLun, 25 Set 2017 7am

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners

L'intervento

Market Place / 3 Cinema e musica per una settimana migliore

petra scoperta


Usciti fuori porta lo scorso week end? Fotografati i piatti tipici della zona visitata? O avete già iniziato con i dolci di carnevale? Eh sì, le feste non danno tregua.

Intanto il primo sole ci spinge verso la costa a fare passeggiate sulla spiaggia. La scissione ci mette ansia, quasi al pari del terremoto (si fa per dire) che puntualmente si fa sentire. Mentre i concerti e le feste di piazza continuano. Le polemiche politiche infiammano anche la più piccola stanza amministrativa. Ed anche il sisma crea vincitori e vinti. Mentre qua e là le elezioni, alle porte, hanno già fatto iniziare le puntate degne delle migliori fiction televisive.

Ma forse importa, forse no.

Le più grandi e potenti multisala cinematografiche si accingono a lanciare i film del Carnevale, in tema fantastico per lo più. Eppure, qualche piccolo cinema di provincia, ancora sopravvive, grazie alla tenacia di chi ancora crede che oltre ai Blockbuster esista anche altro che si possa chiamare cinema. E che, sommessa, promuove le sue serate, facendosi spazio tra il marasma dei grandi eventi.

I Lego, si avete capito bene, quei piccoli blocchi colorati, che esistono da sempre, e che si incastrano tra loro creando sculture e meccano, sono diventati l’ultima tendenza che impazza sui social (uno su tutti legoprojectfoto) ma anche nelle scuole come pratica di costruzione e sviluppo tecnologico (si organizzano concorsi e contest in materia), li ritroviamo protagonisti al cinema. Lego Batman/Il film, l’oscuro pipistrello che si fa ancora più di plastica ed ancora più irriverente de I Simpson.

Per stomaci forti. David Lynch. Con il suo The Art of Life. Riflessione sulla sua carriera. Ed ancora Lynch, nel progetto Psychogenic Fugue, nel quale un ispirato John Malcovich, reinterpreta tutti i personaggi del genio della regia. Ma questi ultimi, solo nei piccoli circoli di cinema sopracitati. Intanto, in tv, Fiorello colpisce ancora con la sua satira pop, promuovendo una famosa società telefonica scimmiottando i manichini delle più cool marche profumiere del mondo, improvvisando un francese degno della Carla Bruni dei suoi vecchi show.

Ed anche se leggerete queste parole il martedì, considerando il lunedì lavorativo come il quarto d’ora accademico delle lezioni universitarie, la canzone che sarebbe bene ricordare, ogni singolo lunedì, è quella di uno strepitoso Neil Young che qualche anno fa, caparbiamente, ricordava a tutti che è bene Rockin in the free world. Ancora rock, ma più recente, che è un pezzo della band americana Kings of Leon, Waste a moment. Se avete tempo, ascoltate qualche loro vecchio pezzo. Ricordate gente, i dolci del Carnevale a tavola. E se non sapete cucinare, passate nel primo forno a vostra disposizione.

*Petra Feliziani

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Terremoto, un anno dopo ho i corpi davanti agli occhi

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.