01242018Mer
Last updateMer, 24 Gen 2018 9am

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners

Editoriali

Vade retro barbone

rafsitorossa

Verso che società stiamo andando? Quanto sta accadendo a Porto San Giorgio è una bella fotografia della realtà che abbiamo davanti agli occhi. Si chiude una porta prima di avere pensato a una soluzione. La decisione di blindare la sala d’attesa durante la notte è un po’ come quando uno fa le pulizie e non trovando la paletta butta tutto sotto il tappeto.

Solo pochi giorni fa, dopo le passeggiate – ronde di un gruppo di militanti di Casa Pound, si era parlato di un paio di senzatetto che dormivano sotto i portici di una galleria in pieno centro. Apriti cielo: degrado e preoccupazione. Confondendo così il disagio sociale con l’insicurezza e la delinquenza, guidata da spacciatori e rissaioli.

Serviva però un segnale forte, non di contenuto ma di immagine, e così a Porto San Giorgio si è deciso di chiudere la stazione di notte. Mentre in altre città dove la questione senzatetto (sempre se non molesti)  è una cosa seria, decine di persone ogni notte a Bologna, si creano help center in stazione pronti a offrire un ricovero e una soluzione, nella cittadina sangiorgese, amministrazione di centrosinistra, si sceglie la polvere sotto il tappeto.

Questo in attesa di novità, che potrebbe essere un centro di prima accoglienza in cui abbinare profughi e senzatetto di passaggio da realizzare a due passi dalla chiesa di San Giorgio. Attesa gelata, perché la scelta di chiudere le porte arriva in pieno inverno, quando le temperature scendono. Dove andranno quei due senzatetto? Chi lo sa, magari in uno degli oltre mille appartamenti sfitti che ha la cittadina sangiorgese, leader delle seconde case e degli affitti astronomici. Oppure, la speranza che cambino città con un movimento osmotico del disagio.

Occhio non vede, coscienza non duole, almeno tra i sangiorgesi. “Ignorare il povero è disprezzare Dio” dice Papa Francesco. Che piace a tutti, ma non sempre.

* direttore www.laprovinciadifermo.com - presidente Cronisti Marche - @raffaelevitali - redazione@laprovinciadifermo.com - facebook/raffaelevitali

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Fede, giovani e integrazione: i primi pensieri fermani di monsignor Pennacchio

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.