07202018Ven
Last updateVen, 20 Lug 2018 3pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Editoriali

Caro Fermano, non si vive di progetti

rafsitorossa

Quando sono stato in vacanza a Berlino, ho passato un paio di giorni con un amico che insegna all’università. Passeggiando lungo il fiume, mi raccontava i giovani seduti ai bar, tanti i bar e tanti i giovani, che danno una idea di Berlino dinamica. “Se gli chiedi cosa fanno, ti rispondono ho un progetto. Se gli chiedi quale? Ribadiscono che è un progetto, interessante”. Niente più. E così, uno dopo l’altro. Sognatori pieni di speranze che confidano nella ricca Germania sapendo di avere un punto a favore: l’essere giovani.

Spostandosi di qualche migliaia di chilometri, si arriva a Fermo. Che è sempre più la provincia dei progetti. Ne è piena questa terra di lavoratori. Sono di ogni genere e spesso sono anche accompagnati da belle cartine. Il primo, il più grande, è quello dell’ospedale. Un progetto presentato con tanto di plastico, ma tale è rimasto. Ogni volta c’è un problema e mentre a Fermo si progetta come aprire un cantiere, a Macerata, pochi chilometri più in là è stato presentato il piano per il loro nuovo ospedale con tanto di 150milioni di investimenti in viabilità.

Progetto è quello per la mare – monti, da sempre una visione più che una certezza. Progetto è l’ampliamento dell’alta Valdaso, che salverebbe forse la permanenza di una multinazionale che dà lavoro a qualche centinaia di persone. Progetto è il far fermare i treni veloci nel Fermano per favorire il distretto calzaturiero delle Marche. Progetto è lo sviluppo della banda larga, ancora drammaticamente indietro. Progetto è il ponte tra Fermo e Porto San Giorgio, come progetto è quello tra Pedaso e Altidona, anelli mancanti di una regione che sogna di essere attraversata in bicicletta, dimenticando che le bici si fermano poco più a sud di Pesaro. Per non parlare del ponte crollato 4 anni fa a Rubbianello, che è un progetto finanziato e mai trasformato in cantiere.

Progetto è il lungomare di Porto San Giorgio, che si sente regina turistica e che invece sta subendo l’inesorabile sorpasso di Porto Sant’Elpidio che i progetti, magari non condivisi, li sta facendo diventare realtà mattone dopo mattone ma così lentamente che Civitanova scappa. Progetto è quello che vuole il Fermano al centro dei pensieri nazionali di un Governo che è entrato nel ‘miglio verde’.

Progetti, tanti e belli. Chissà se fanno la fine di quelli dei berlinesi, con i protagonisti che alla fine servono a un bar, ma a Berlino fa figo, o se diventeranno realtà, come una scarpa o un compound che dalla provincia senza collegamenti riescono comunque a raggiungere il mondo.

* direttore www.laprovinciadifermo.com - presidente Cronisti Marche - @raffaelevitali - redazione@laprovinciadifermo.com - facebook/raffaelevitali

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Crolla il tetto su una classe dell'Iti Montani: vigili del fuoco in azione

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.