11212017Mar
Last updateMar, 21 Nov 2017 8am

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners

Editoriali

Erosione, sanità e strade: il terremoto non sia usato per rinviare tutto

Raffaele auricolari
lessprovincia

* La pioggia, la vendemmia, il traffico direzione nord in autostrada: l’autunno è arrivato. Normalmente porta con sé anche le discussioni, i problemi, le strategie, il desiderio di trovare soluzioni. E ce n’è davvero bisogno perché le criticità da affrontare sono numerose.

Durante l’estate di tante cose si è parlato, dai pachi delle feste con i politici alle riflessioni sotto l’ombrellone degli imprenditori ‘costretti’ alle solite ferie agostano perché tutto si ferma. Ora però le parole dovranno avere un seguito, perché di promesse ne sono state fatte tante.

La prima, la madre di tutte le promesse, è l’apertura del cantiere del nuovo ospedale di Fermo. Chi mette i paletti, dalla Sovrintendenza alla politica regionale, sembra concorde sull’avvio dei lavori.

Poi c’è la viabilità: milioni di euro per la Valdaso e ora altri dieci milioni di euro per la Mare-monti nel tratto Amandola San Ruffino. Opera attesa, anche questa propedeutica, in futuro, al nuovo ospedale.

Spostandosi sula costa c’è l’erosione da combattere. Milioni pronti a Porto Sant’Elpidio, si spera vengano usati, come anche a Porto San Grigio, dove tra porto che si riempie di sabbia e parte centrale erosa entro gennaio bisogna decidere come agire.

E poi c’è l’economia, con il distretto calzaturiero che riparte. Si spera, almeno. Ma che chiede misure mirate, promesse durante i dibattiti estivi: che sia un’area di crisi o una zona franca, che sia una detassazione di certe tipologie di lavoro.

Ma come, dirà qualcuno, non si parla di terremoto? Non oggi, perché il timore autunnale è che a ogni richiesta, o meglio attesa dovuta, di altre zone si risponda ‘ma il terremoto’. In un Paese che si considera tra le potenze mondiali non si può ragionare per compartimenti stagni. Lo Sviluppo economico ha più facce e se non si vuole aggiungere un dramma sociale, con perdita di migliaia di posti di lavoro, a quello naturale bisogna fare e non solo dire, come insegnano i privati (LEGGI)

* direttore www.laprovinciadifermo.com - presidente Cronisti Marche - @raffaelevitali - redazione@laprovinciadifermo.com - facebook/raffaelevitali

 

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Terremoto, un anno dopo ho i corpi davanti agli occhi

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.