08162017Mer
Last updateMer, 16 Ago 2017 7pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners
VTEM Banners

Editoriali

Quando il ruolo cambia il comportamento

Raffaele auricolari

* “Ma ti pare possibile che io debba rischiare di non prendere lo stipendio? Ho pure un bimbo piccolo. Ma i soldi pare che non ci siano, tutta colpa della Regione”. A parlare è un dipendente della Provincia di Pesaro. Situazione complicata quella al nord delle Marche, mancano una ventina di milioni di euro. Ma se ci si posta a Fermo, la situazione non è più rosea. La differenza è nel numero, sono meno di otto milioni quelli che l’ente guidato da Moira Canigola attende di vedersi rimborsati. Da chi? Sempre dalla Regione.

Il paradosso della situazione è che i cordoni della borsa non li ha uno qualunque, ma Fabrizio Cesetti. L’unico presidente eletto della Provincia di Fermo è oggi assessore al Bilancio regionale. Quando è stato scelto, nelle sedi dell’ente di secondo livello si sono stappate bottiglie. Perché Cesetti era il più strenuo difensore delle Province e soprattutto uno dei più battaglieri conoscitori di cavilli legali utili per far arrivare le risorse in periferia.

Ma il ruolo cambia il comportamento. E così, l’uomo pronto a incatenarsi davanti alla Regione oggi è il primo artefice delle politiche anti rimborso per soldi che le Province devono avere, visto che svolgono funzioni che dovrebbe fare la Regione. Se a Pesaro si rischiano gli stipendi, a Fermo si rischia la ripresa dell’anno scolastico ma soprattutto la pubblica incolumità con strade provinciali ormai ridotte a un colabrodo a causa dell’assenza di fondi.

Una situazione indegna di un paese civile, frutto di una pessima riforma che porta il nome del potente ministro Del Rio e che oggi nessuno ha il coraggio di affrontare. Si è scelta la strada dell’accentramento senza avere una programmazione. Peggio non si poteva fare. Ci si allontana dai territori e non si ridà con i servizi. A questo punto, pensando alla campagna elettorale di Cesetti e al suo “per un Fermano che finalmente conti in Regione”, non ci si deve neppure stupire che nessuno abbia difeso la Camera di Commercio di Fermo, da fondersi con Macerata e Ascoli. Il consigliere fermano Francesco Giacinti è rimasto coerente, è da sempre un fautore di unioni e fusioni, mentre Cesetti, purtroppo, si è adeguato al ruolo.

direttore www.laprovinciadifermo.com - presidente Cronisti Marche - @raffaelevitali - redazione@laprovinciadifermo.com - facebook/raffaelevitali

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Molotov contro i vigili di Fermo, il sindaco: "Chi sa, parli"

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.