Editoriali

Lo sport ritrova il gialloblù

vitali raffaele web3

Promozione, turismo, passione: lincrocio perfetto tra calcio e basket.

* Il filo conduttore unico è il colore perché, vuoi non vuoi, torna sempre il gialloblù. Passa per queste due tinte lo sport del Fermano. Uno sport che ha una gran voglia di tornare ai vertici, di dominare, di riprendersi quel posto a livello nazionale che crede e, realmente, merita.

Gialloblù è il colore della Fermana che con un incredibile finale di stagione si è qualificata per i play off, dove in palio c'è un posto in Lega Pro, il campionato professionistico. Quella serie C che tante gioia nel passato ha già dato i canarini. Un traguardo raggiunto grazie a una società seria guidata da un uomo che sembra nato al Girfalco ma che è di Montegranaro, Maurizio Vecchiola, che il gialloblù ce l’ha stampato sulla pelle.

E gialloblù, seppur al momento tinto di nero, è il colore del basket a Montegranaro. Qui c'è la Poderosa che insegue per il secondo anno il grande sogno di approdare in serie A, seppur un gradino sotto a quella che era stata occupata dalla Sutor. Perché è serie A2, se vincerà i play off, il concretizzarsi di un sogno costruito sulle solide spalle dei fratelli Bigioni. Un sogno stimolato dalla voglia di riprendersi di una città scottata e ferita.

Gialloblù quindi è il colore dello sport, il colore di una realtà che può trasformare una palla da calcio e una da basket in volano per un territorio ambizioso che cerca momenti nazionali che non siano solo legati alle sue calzature.

Ecco che il 15 maggio, Fermana e Poderosa, quando giocheranno le rispettive semifinali, una contro il Fano, probabilmente, l'altra contro Falconara o Ortona, saranno tifate da tutta la provincia. Che è piccola e litigiosa, ma che già in passato ha saputo con intelligenza compattarsi attorno a chi garantisce una vetrina a tutto il territorio. Anche a quello che preferisce la poltrona e il telecomando a corsa e sudore.

*Raffaele Vitali direttore www.laprovinciadifermo.com – presidente Unci Marche